Questo sito utilizza i cookie. Procedendo la navigazione su questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

Nuovo taglio del nastro all’università. A pochi giorni dall’inaugurazione delle nuove aule di via D’Azeglio- via Kennedy, il rettore Gino Ferretti si appresta a concludere il proprio mandato aprendo le porte di un altro complesso: il polo didattico e centro congressi del campus universitario (Parco Area delle Scienze – primo edificio a destra entrando da viale Gian Paolo Usberti).
L’inaugurazione è in programma venerdì 25 ottobre alle 11.


Il nuovo complesso, che ha avuto un costo complessivo di 11 milioni di euro, è stato coperto con fondi di ateneo e con un rilevante contributo da parte della Fondazione Cariparma di 5 milioni di euro. La struttura, che ha una superficie di 5.365 mq, prevede, oltre ai vani di servizio, 18 aule per la didattica, che possono ospitare complessivamente più di 2.300 studenti, e una sala conferenze da 200 posti.
Risale al 2001 la decisione dell’ateneo di procedere alla costruzione della struttura nell’area adiacente l’ingresso di viale Gian Paolo Usberti del Parco Area delle scienze – campus universitario, per soddisfare le nuove esigenze di spazi dovute alla crescita di iscrizioni e all’aumento dei corsi di studio.
Nel 2002 viene redatto il progetto definitivo, e i lavori affidati all’impresa Emini Costruzioni di Aversa che fallisce però nel 2009. Vicissitudini di cui si era occupato a suo tempo Repubblica Parma - LEGGI L’ARTICOLO
Nel corso del 2010 è stato quindi predisposto un nuovo bando di gara per il completamento delle opere, assegnato all’associazione temporanea d’imprese costituita tra l’impresa edile Allodi e la ditta Tecno-E entrambe di Parma.
La consegna dei lavori all’impresa esecutrice è avvenuta nell’aprile del 2012; i lavori sono stati ultimati con un anticipo di circa tre mesi rispetto al termine contrattuale, previsto per gennaio 2014.
Il nuovo polo è attualmente l’edificio con la più elevata prestazione energetica dell’intero campus, collocandosi in classe C, grazie alle azioni di miglioramento prestazionale delle ampie superfici vetrate, dei pavimenti e delle partizioni murarie che sono state effettuate per contenere al massimo le dispersioni termiche.

logo-la-repubblica-parma-it

verdi off

cover-diario-di-bordo-di-un-imprenditore-fabrizio-marcheselli

A Parma è disponibile
nelle librerie di Parma
e sul sito delle
GRAFICHE STEP
(clicca qui)