Questo sito utilizza i cookie. Procedendo la navigazione su questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

 

COLLECCHIO
SORGERA' TRA LA GALAVERNA E LA VERDI 

Assegnato l'appalto a un pool di imprese locali
I lavori inizieranno nei primi mesi del 2015

  

Partiranno nei primi mesi del prossimo anno i lavori per la realizzazione della nuova scuola situata tra le elementari Verdi e le medie Galaverna.

L’edificio sarà realizzato con le più moderne e innovative tecniche costruttive legate al risparmio energetico. È stato, infatti, assegnato l’appalto integrato che ha visto prevalere il Rti – Raggruppamento temporaneo di imprese formato dalle aziende Allodi e Holz Albertani come costruttori, Cpl Concordia come azienda di manutenzione, mentre il soggetto finanziatore è Mediocredito Italiano.

La scuola è stata appaltata con un leasing in costruendo il che significa che la stessa verrà realizzata senza che il Comune paghi in anticipo i costi, ma verserà annualmente, per 20 anni, un canone di circa 350 mila euro, per entrare in piena proprietà dell’immobile a conclusione del leasing.

Il progetto definitivo messo a gara è stato realizzato dall’ufficio tecnico del Comune. L’ingegnere Alessandro Bertani e l’architetto Cristian Ferrarini hanno seguito anche tutte le fasi dell’iter legato all’appalto.

Il sindaco Paolo Bianchi, l’assessore alla edilizia scolastica Silvia Dondi, l’ingegner Daniela Allodi presidente della ditta Allodi e Michela Allodi, vice presidente della stessa, hanno effettuato un sopralluogo sull’area che sarà interessata dai lavori.

La nuova scuola, infatti, sorgerà tra l’attuale scuola primaria di primo grado Domenico Galaverna e la scuola primaria Giuseppe Verdi. Sarà dotata di 15 aule che potranno essere utilizzate sia da studenti delle secondarie di primo grado sia da studenti delle primarie, in base alle esigenze della scuola. In tutto si tratta di 2.655 metri quadrati.

Si presenterà come un grande parallelepipedo che congiungerà, come un ponte, le due strutture, oggi divise da un’area verde. Il raggruppamento temporaneo di imprese presenterà, nei prossimi mesi, il progetto esecutivo, come previsto dall’appalto, per poi dare inizio ai lavori.

«E’ proprio grazie a questo tipo di partenariato fra pubblico e privato – ha spiegato Daniela Allodi – che è oggi possibile dare risposte concrete alle esigenze della comunità. La nostra azienda opera da più di un secolo nel campo degli appalti pubblici e nella realizzazione di edilizia privata con grande attenzione ai nuovi temi della riqualificazione energetica. E la nuova scuola rientra tra i primi progetti in provincia di strutture cosiddette passive, cioè realizzate secondo tecniche all’avanguardia volte a promuovere la massima efficienza energetica».

Un aspetto, questo, molto importante se si pensa che il Comune per le spese di riscaldamento della Verdi spende ogni anno poco meno di 100 mila euro, mentre per la nuova scuola i costi saranno ridotti di un decimo. «Realizzare una scuola oggi – spiega il sindaco Paolo Bianchi – con i limiti imposti dal patto di stabilità, non è facile. Grazie a questa forma di partenariato tra pubblico e privato è possibile dare risposte alla nostra comunità e, considerato che le aziende coinvolte sono del posto, dare lavoro a persone che gravitano nel nostro territorio». 

 

05/10/2014

verdi off

cover-diario-di-bordo-di-un-imprenditore-fabrizio-marcheselli

A Parma è disponibile
nelle librerie di Parma
e sul sito delle
GRAFICHE STEP
(clicca qui)